DONARE IL SANGUE

DONARE IL SANGUE SANGUE SI PUO’ E SI “DEVE”

Donare il sangue rimane ancora un tabù per molte persone, mentre per una piccola percentuale è motivo di orgoglio e soddisfazione. In questo periodo, dove le scorte di sangue sono messe duramente alla prova, cresce la sensibilizzazione e la pubblicità con l’intento di portare quanti più donatori nei centri trasfusionali o nelle raccolte periferiche.

Un falso mito da sfatare è che è si può donare già da subito. L’Italia si può vantare di aver introdotto ormai da molti anni la prima donazione differita. Infatti il potenziale donatore che vuole proporsi come tale, la prima volta dovrà superare un’accurata visita medica e poi agli esami del sangue per verificarne la qualità.
Dopo qualche settimana arriveranno presso il domicilio del donatore l’esito degli esami e l’idoneità o meno alla donazione di sangue. 

La ricerca e l’innovazione tecnologica hanno permesso di tipizzare il gruppo sanguineo in modo preciso e puntuale,ecco perché le future chiamate alla donazione saranno molto più importanti delle precedenti. Infatti non si andrà a pescare nella quantità ma bensì nella qualità e ogni donatore, chiamato alla donazione, sarà responsabile del fatto che l’ammalato avrà bisogno proprio del suo sangue e non di un suo simile.

L’appello che ci permettiamo di fare è quello di rispondere sempre e comunque alle convocazioni per tutte le donazioni per poter rispondere in modo puntuale e preciso alle richieste provenienti dalle strutture sanitarie. Se vuoi diventare donare il sangue anche tu e non sai come fare entra qui
<
entry-title {
display: none;
}

I commenti sono chiusi