HIV e AIDS: Facciamo chiarezza

La sicurezza nella donazione sangue donato è un fattore di vitale importanza sia per chi lo riceve sia per chi lo dona. Col passare degli anni il sistema che regola la qualità della donazione di sangue a permesso di ridurre al minimo il rischio di trasmissione di malattie nella trasfusione e nella donazione.
Nei recenti seminari organizzati da Avis, vedi il forum Avis nazionale giovani e il recente incontro organizzato dalla provinciale di Treviso, sono venuti alla luce che dimostrano come sempre più persone risultano positive a malattie sessualmente trasmissibili.
Come riportato dalla dottoressa Mariangela Raimondo, nel forum giovani che si è tenuto il 5 e 6 marzo a Cosenza,  si registrano in Italia ogni anno 4000 nuovi casi di contagio annui del virus del HIV. Questo dato sembra sembra essere in linea con gli altri paesi dell’Unione Europea mentre rapporto tra i candidati all’idoneità alla donazione è del 1,4% mentre sempre meno donatori vengono trovati positivi durante gli esami effettuati prima della donazione. Risulta molto importante compilare in modo attento ed accurato il questionario prima della donazione del sangue e chiarire col medico qualsiasi vostro dubbio.

Ma HIV e AIDS sono la stessa cosa?

Assolutamente No!!!Hiv è il virus mentre l’Aids è la malattia. Una persona può essere portatrice sana del virus Hiv ma non essere malato di Aids.

Cos’è il periodo finestra?

È il tempo che intercorre dal momento del contagio all’effettiva comparsa degli anticorpi contro l’HIV nel sangue. Questo periodo dura mediamente poche settimane. Se una persona si trova nel periodo finestra può sottoporsi al test e risultare negativa pur avendo contratto l’infezione (ed essere in grado di trasmetterla) poiché il suo organismo non ha ancora sviluppato anticorpi.

Dopo quanto tempo si può avere la certezza di aver contratto il virus del HIV?

La certezza degli esami si ottiene dopo tre mesi dal fatto. Gli esami si possono fare anche immediatamente dopo solo che la loro accuratezza aumenta col passare del tempo.

I commenti sono chiusi